Non un semplice film d’animazioneAnomalisa animazione Kaufman Oscar

Ci sono opere composte da minuscoli e fondamentali dettagli, frutto della passione e del lavoro minuzioso e dettagliato di veri artigiani dell’arte cinematografica, capaci di trasporre su delle marionette ( con un pizzico di elaborazione digitale ) in scala 1:6. delle emozioni reali, sentimenti che appartengono a qualsiasi essere umano, qui utilizzati per dare voce a uno dei migliori film in stop-motion degli ultimi tempi . Parliamo di Anomalisa, il capolavoro di animazione di Charlie Kaufman e Duke Johnson.

Anomalisa è il risultato del lato più intimamente autentico dello sconfinato talento artistico dello sceneggiatore di Eternal Sunshine of the Spotless Mind ( volgarmente conosciuto ai più come ”Se mi lasci ti cancello” ) ed Essere John Malkovich, qui alle prese con la trasposizione un’animazione a passo uno di un dramma con protagonista l’alienazione umana e lo smarrimento di un uomo che non riesce o non sa trovare l’anima gemella.

Una strana ”Anomalia”

Anomalisa è il soprannome che Michael Stone ( protagonista della storia ), esperto in servizi clienti e scrittore di un best-seller motivazionale, attribuisce all’unica donna che, incontrata per caso nell’hotel di Cincinnati in cui alloggia alla vigilia di un’importante conferenza, riesce a smuovere nel suo cuore spento e disilluso. l’ anomala illusione di una nuova emozione, capace di restituirgli quella gioia di vivere. che non sa trovare né nel lavoro né nella propria vita familiare. Ogni giorno è circondato da persone dallo stesso volto, dall’identico timbro di voce, che siano bambini, adolescenti o adulti,. il nostro protagonista è incastrato in un limbo, in un mondo in cui ormai ”sopravvive”. da tempo: la ”fine” dell’amore, dell’innamoramento, la morte di quelle ”scintille” che ci contraddistinguono dal mondo animale, i sentimenti e le emozioni.Anomalisa animazione Kaufman Oscar

Michael, quindi, si troverà a lottare contro i propri demoni interiori. per riuscire ad appendersi a quell’unica soave voce fuori dal coro, mentre il suo mondo rischia di andare in pezzi, proprio come quello di Joel e Clementine nel film che valse a Kaufman l’Oscar. per la miglior sceneggiatura. Anomalisa è un’opera intensa e allo stesso tempo delicata, ricca di sfumature e chiavi di lettura, nascoste nello stesso nome dell’hotel in cui alloggia Michael (Fregoli, come la sindrome psichiatrica. delirante per la quale ci si può sentire perseguitati dalla stessa persona) o nei piccoli eloquenti gesti  dei protagonisti,. culminante nella scena della colazione, simbolo dell’inevitabile perpetrarsi circolare. della stessa dinamica che affligge il protagonista, schiavo, prima che del mondo, semplicemente di se stesso.Anomalisa animazione Kaufman Oscar

 

Continuate a seguirci su Pixelinea

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui